5
Amministratore-condominio-e-incompatibilità2

Amministratore di condominio e incompatibilità: le regole

Amministratore-condominio-e-incompatibilità2 Tutto quello che dovresti sapere a proposito dell’incompatibilità dell’ amministratore di condominio

Recentemente, abbiamo sentito parlare molto spesso di amministratori di condominio e di incompatibilità con altre professioni. Proprio per questo, la domanda che ci facciamo è: perché? Per quale motivo la professione di amministratore condominiale viene definita incompatibile con alcune specifiche attività? La maggior parte delle volte, sembra che l’attitudine di questo professionista non possa in qualche modo combaciare con l’altra e, nel contempo, pare che alcune particolari mansioni non possano andare d’accordo.

Naturalmente, potremo parlare anche di tempo e di impossibilità di conciliare due mestieri, finendo poi per decidere quale fare e quale no. Insomma, le problematiche in questione possono essere davvero tante e ogni mestiere “giudicato” incompatibile con quello dell’amministratore di condominio porta con sé numerosi e diversi perché. Pertanto, andiamo a scoprire qualcosa di più a riguardo e poi tiriamo un po’ le conclusioni…

Amministratore condominio: quali sono le attività incompatibili?

Negli ultimi anni, sono stante molte le professioni ad essere state messe in discussione. In particolare si è parlato di come l’attività di agente immobiliare non potesse andare d’accordo con le amministrazioni condominiali. In seguito, il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato qualche chiarimento in più, dicendo che “se l’attività [di amministratore di condominio] è svolta saltuariamente o a titolo di passatempo” possiamo definirla compatibile con quella dell’agente immobiliare.

Un altro mestiere che è stato messo in discussione per quanto riguarda l’amministratore di condominio e l’incompatibilità è quello del commercialista. Tuttavia, anche in questo caso, la situazione è stata chiarita in poco tempo: effettivamente, le competenze e le mansioni contabili dei dottori commercialisti rientrano per l’appunto tra i compiti da portare a termine durante l’amministrazione di uno stabile. In pratica, è un bene se un amministratore è anche un esperto in contabilità.

Per quanto riguarda la questione “incompatibilità”, sono pochi i mestieri al quale è andata bene e la maggior parte di quelli ritenuti incompatibili erano spesso attività svolte proprio da alcuni amministratori. Pertanto, i dibattiti sono stati tanti e, alla fine, per molte delle professioni definite non compatibili, sono stati dati chiarimenti e fatti dei passi indietro: in fondo, i professionisti che si occupano di amministrazione stabili, sono muniti di specifiche qualifiche e hanno seguito corsi di formazione.

Amministratore-condominio-e-incompatibilità: rientra nei casi di incompatibilità con l’ amministrazione di condomini?

L’avvocato è stata una di quelle professioni ritenute in alcuni casi incompatibili con quelle dell’amministratore. Il motivo? Si tratta di un mestiere autonomo, che deve essere svolto in maniera continuativa. In pratica, l’avvocato dovrebbe evitare qualsiasi attività che lo impegni per troppo tempo, eccezion fatta per tutto quello che ha a che fare con la scienza, la scrittura, l’arte e la cultura in generale. In questo modo, può concentrarsi sulla sua attività principale.

Pertanto, è utile sapere che quando si parla di amministratore condominio e incompatibilità con la professione di avvocato, bisogna pensare che ogni avvocato professionista può intraprendere quest’altra attività, ma solo con una buona organizzazione (in particolare del tempo e delle giornate lavorative), una valida formazione, l’abilitazione per l’amministrazione stabili e le relative qualifiche.

Questa figura professionale ha delle ottime qualità e competenze nel campo del diritto civile, che possono rivelarsi molto utili in un condominio dove possono sorgere controversie e problematiche che necessitano di un’assistenza e consulenza legale, nonché di un valido mediatore.

Per saperne di più contattaci: saremo lieti di darti le risposte che stavi cercando.

 

5 Comments

5 thoughts on “Amministratore di condominio e incompatibilità: le regole
  1. è compatibile con l’attività di agente immobiliare?

    1. Si un amministratore può anche essere un agente immobiliare.

  2. L’attività di assessore, o comunque una attività di interesse pubblico, risulta incompatibile con l’attività di amministratore condominiale di condominii formati da condomini proprietari la cui maggioranza è vacanziera e non residente??!!. E’ naturale che l’assessore/amministratore abbia un occhio di riguardo nei confronti di colleghi e di cittadini votanti residenti…….

    1. I casi sono frequenti. Questo rapporto, amministratore/condomini residenti, nei complessi immobiliari prettamente a carattere turistico/vacanziero, è di facile combinazione.
      Mai più un condomino del nord Italia, per dire, può essere presente in assemblea convocata nel condominio del
      profondo sud, per lo più in periodi per dire non “vacanzieri”. Con il solo scopo, poi, di ridurre i millesimi di maggioranza e decretare…..

    2. Purtroppo l’avere “un occhio di riguardo” non comporta in sè un conflitto di interessi. I casi di incompatibilità dell’amministratore sono strettamente regolati dalla legge.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *